in Val Pellice

portale di informazione turistica della Val Pellice (Piemonte, Italia)

Il sentiero Chiot dl’Aiga - Sap

I sentieri del Comune di Angrogna

Realizzato dal Comune di Angrogna con la collaborazione del gestore del Rifugio Ai Sap, questo itinerario permette di riscoprire diversi aspetti storico ambientali della Val Pellice.

Fiancheggiando un tratto del Torrente Angrogna, lungo un’antica bealera, si potrà intuire con quale e quanta maestria si fosse provveduto in passato a convogliare l’acqua a fini irrigui, riuscendo così a sfruttare a scopo agricolo ogni angolo del territorio. Attraversando poi il torrente nei pressi della località Gournie, si incontra il sentiero che conduce alla borgata Cacet, tipico luogo dove è possibile ammirare le caratteristiche architettoniche degli edifici della valle, ancora in ottimo stato di conservazione. L’itinerario prosegue poi per l’Arvura, dove incontra il sentiero che conduce alla Barma, luogo di resistenza, sede della tipografia dove veniva redatto e diffuso il giornale di informazione clandestina “Il Pioniere”. Continuando per il sentiero lungo le curve di livello si attraversa la zona della Rocciaglia per arrivare alla borgata di Eyssart.

Successivamente, nei pressi del ponte della Lausa, lungo la carrozzabile Torre Pellice - Pra del Torno, si sviluppa un percorso parte in area boscata e parte in area pascoliva, che toccando le borgate della Cucètta, Ramà ed Imbergeria si chiude al rifugio Ai Sap. Questo rifugio è nato nel 1997 in seguito alla ristrutturazione di un fabbricato un tempo adibito a furest e oggi rappresenta un conosciuto punto tappa per escursioni e centro di informazione multimediale sull’itinerario descritto.