in Val Pellice

portale di informazione turistica della Val Pellice (Piemonte, Italia)

Centro Culturale Valdese

In via Beckwith 3, Torre Pellice

Storia

L’edificio fu costruito nel 1922, come monumento in ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale, destinato a convitto per studenti. Dal 1974 ospitò l’amministrazione degli ospedali valdesi. Fu ristrutturato nel 1989, trecentenario del Glorioso Rimpatrio, per dare una sede alla nuova Fondazione Centro culturale valdese, incaricata di raccogliere e gestire il ricco patrimonio librario e museale affidatole dalla Tavola valdese e dalla Società di studi valdesi. È pure sede dell'Archivio della Tavola valdese.

Architettura

La struttura, innovativa, progettata da Emilio Decker ed eseguita dall’impresa Chauvie è uno dei primi esempi di uso del cemento armato in Piemonte. Da notare, nell’atrio, le lapidi con i nomi dei caduti valdesi. Negli anni Sessanta furono aggiunti diversi campi sportivi e una piscina coperta, ora parte del museo etnografico, finanziata da Dino Olivetti, ex-convittore e figlio di Camillo (fondatore dell’omonima impresa).

Centro Culturale Valdese

Torre Pellice: gli edifici ed i monumenti storici, schede monografiche - Centro Culturale Valdese