[vc_row][vc_column]

NATURA e SPORT
Scopri la Valle

[/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text f_h2_font_family=”595″ f_h2_font_transform=”uppercase” h_color=”#0096ed” block_template_id=”” big_title_text=”DOVE SIAMO”]

Non è sicuramente un caso la localizzazione in Val Pellice di tre Siti di Importanza Comunitaria, secondo quanto stabilito dalla Direttiva Habitat dell’Unione Europea:

● le stazioni di Myricaria germanica;
● l’oasi del Prà – Barant;
● il bosco di Pian Prà-Rorà

Sono siti di rilevata importanza per la conservazione della biodiversità e sono collegati agli altri 10.000 individuati in tutta Europa e costituenti nel loro insieme la rete Natura 2000.
La Valle, di natura glaciale, fa parte del massiccio geologico denominato Dora-Maira, caratterizzato dalla contemporanea presenza di associazioni litologiche di tipo continentale e oceanico. La nascita delle Alpi è infatti dovuta alla convergenza ed allo scontro di due imponenti placche, che nel loro avvicinarsi hanno incluso il bacino dell’oceano Ligure-Piemontese per poi, con la collisione, generare la catena alpina. Le antichissime rocce originarie in questo processo, sono state metamorfosate dalle forze geologiche in una ricca varietà di colori e forme: dalle verdi ofioliti di origine oceanica, ai solidi gneiss di origine continentale.
Siamo all’interno del Geoparco delle Alpi Cozie, dove numerosi siti testimoniano la vitalità geologica dell’arco alpino: la conca del Prà,con la sua ampia base un tempo occupata da un grande lago glaciale, le pendici del Monte Granero e l’ecomuseo della pietra presso Rorà, importante testimonianza dell’attività estrattiva che sin dall’800 ha come protagonista la famosa Pietra di Luserna.

[/vc_column_text]

[/vc_column][/vc_row]